Telegram

Il meglio è nemico del bene

alessandro barbano paul watslawick silvana de mari Jan 24, 2023

di Silvana De Mari

Il vecchio proverbio, il meglio è nemico del bene, riassume il concetto di iper soluzione spiegato nel libro “Di bene in peggio. Istruzioni per un successo catastrofico”  di Paul Watslawick, filosofo austriaco, esperto in comunicazione. Il libro  spiega come la ricerca di soluzioni radicali e definitive, trascura sempre la capacità di analizzare il problema da tutte le angolazioni, si concentra su un solo aspetto, e alla fine produce effetti peggiori del male che si voleva curare.

La saggezza popolare affianca due altri motti  “Il rimedio è peggiore del danno” e soprattutto “Le vie dell’inferno sono lastricate di buone intenzioni”.  Vorrei attirare la vostra attenzione sulla parola inferno. L’iper soluzione contiene sempre il germe malefico del fanatismo, e quindi della pretesa della purezza, l estrema ed erronea ricerca di totalità e intransigenza. La ricerca di totalità, se appartiene a uno stato, porta inevitabilmente al totalitarismo. Lo scopo della Costituzione è proprio quello di evitare la ricerca di totalità, intransigenza e il fanatismo. La nostra Costituzione è tutt’altro che perfetta, e non è la costituzione più bella del mondo.

Una Repubblica democratica dovrebbe essere fondata sul diritto inalienabile del cittadino alla libertà, sulla proprietà assoluta del proprio corpo (habeas corpus), sulla proprietà dei propri beni, sul diritto al lavoro. sul fatto di poter subire punizioni solo dopo essere stato trovato colpevole con una punizione proporzionata a quanto ha fatto. In uno stato decente ognuno è innocente fino a prova contraria, prova certa e al di là di ogni ragionevole dubbio. Tra i diritti inalienabili del cittadino ci sono la libertà, la giustizia, l’innocenza fino a propria contraria e la proprietà.

Questi sono tutti temi che la nostra Costituzione non garantisce al primo articolo, ma onestamente garantisce nei successivi, quindi anche se non la considero perfetta la considero una buona Costituzione. La nostra Costituzione è stata scritta dai padri costituenti, tutte persone che avevano molto chiaro in mente cos’è una dittatura, dato che uscivano dalla dittatura nazifascista e avevano di fronte quella sovietica di Stalin. La Costituzione non deve MAI essere violata. Il codice penale e civile sono più che sufficienti, ma un desiderio di purezza e di assoluto potrebbe spingere a fare MEGLIO e così lastricare le vie all’inferno di qualcun altro, qualcuno non colpevole, e quindi della democrazia.

La prima grande violazione dei diritti elementari del cittadino, la libertà, l’innocenza, il diritto di proprietà, la reputazione, il diritto al lavoro è stata l’Antimafia. Mi spiegava mio padre, mentre camminavamo sul Carso o sulle scogliere di Trieste, che le regole della democrazia devono essere al di sopra di tutto, anche della guerra alla criminalità, qualsiasi criminalità,  anche della guerra al terrorismo, perché grazie all’emergenza che si instaura uno schema dittatoriale e soprattutto è meglio una nazione che ospiti delinquenza e terrorismo a una nazione che ha rinnegato i diritti inalienabili del cittadino. In realtà è una trappola, non c’è nessuna ragione che giustifichi violazione della sacralità dai diritti del cittadino. 

L’ inganno. Antimafia. Usi e soprusi dei professionisti del bene è il libro di Alessandro Barbano, giornalista, saggista e soprattutto uno dei cavalieri che difendono il garantismo, il fatto cioè che il cittadino abbia delle garanzie, e che queste garanzie siano granitiche. Scrive Barbano che La pena, per chi è stato condannato da innocente, è un’ingiustizia, un assurdo per chi sia stato assolto, o mai processato. Una Giustizia che la infligge, non per errore, ma per legge, è una macchina di dolore umano non giustificato e non giustificabile. Ad azionare quella macchina è un potere arbitrario, radicato nel cuore della democrazia, che ha trasformato l’eccezione nella regola, imponendo in nome dell’emergenza permanente, proclamata come un dogma, un diritto spiccio, che dismette le prove per il sospetto, confisca aziende e beni senza un giudicato, commina squalifiche e interdizioni civili. Come un rimedio peggiore del male che si propone di combattere. …Talvolta i cittadini a cui sono stati confiscati beni vengono anche giudicati innocenti, cioè sottoposto a processo penale  e assolti dal diritto ordinario, ma nel frattempo il patrimonio e l’impresa sono stati già confiscati dal diritto speciale di prevenzione. Pensate all’assurdo logico che si realizza quando una persona viene allo stesso tempo riconosciuta innocente e colpita da una misura afflittiva come la confisca di una casa o dell’azienda di una vita. Per trent’anni l’assurdo è stato spiegato così: tu non c’entri niente ma Io, Stato, mi prendo la tua proprietà per proteggerti, cioè per impedire che la mafia possa infiltrarsi. Con l’estensione delle misure di prevenzione l’equazione logica diventa: non so se tu sia persona onesta o corrotta, ma Io, Stato, mi prendo la tua proprietà per impedire che possa diventare oggetto di corruttela.

I beni confiscati vanno a Libera, associazioni di volontari, termine vezzoso con cui si indicano persone che non hanno mai superato un concorso e che non rendono conto né a superiori né a contribuenti, ma che organizzano congressi e centri di studi e influenzano giornalisti e magistrati. Il libro  indaga come di magnifiche intenzioni, sradicare la mafia,  sia lastricata la via dell’inferno dei cittadini e della democrazia.

Creata come emergenza negli anni delle stragi, l’Antimafia è diventata permanente. L’Antimafia diventa una macchina che stritola anche innocenti, con metodi introdotti dopo l’Unità d’Italia per combattere i briganti, usati  dal fascismo per perseguitare i dissidenti,  che i padri costituenti avevano escluso, ma che sono stati reintrodotti per l’emergenza mafia, un’emergenza infinita. Non esiste nessuna prova che per combattere il crimine, anche un orrendo crimine organizzato, uno stato debba rinunciare ai suoi principi e al rispetto delle libertà elementari. Se questo succede non è perché il crimine è troppo forte, il crimine non è mai troppo forte, ma perché quella democrazia è debole e immatura.

Così confische e sequestri colpiscono migliaia di cittadini e imprenditori mai processati, o piuttosto assolti e lo stato di diritto è rovesciato. Abolire lo stato di diritto per combattere anche la più tragica delle criminalità è un inganno, afferma Alessandro Barbano, che in questo libro svela «gli abusi, gli sprechi, i lutti e l’inquinamento civile perpetrati da un apparato burocratico, giudiziario, politico e affaristico cresciuto a dismisura e fuori da ogni controllo di legalità e di merito».

Abbiamo la menzogna di una legislazione Antimafia che tutti i paesi del mondo vorrebbero imitare, ma chissà come mai nessuno imita,  e l’intimidazione nei confronti di chi si azzarda a criticarla. In Sicilia solo un aspirante suicida può aprire una partita Iva. Molto meglio vivere con reddito di cittadinanza. Per adesso sulla disoccupazione e sulla povertà peggiorate dai sequestri statali la mafia, anzi le mafie, prosperano. In Italia di mafie ce ne sono in teoria quattro, Mafia, Camorra, Sacra corona unita e Ndrangheta. In realtà sono cinque, la quinta è la più atroce e spietata di tutte, la mafia nigeriana, che non è nominata nel libro, che non si occupa di mafia ma di Antimafia, perché la mafia nigeriana non interessa all’Antimafia, che non ha contrastato.

L’Italia è la nazione europea dove la mafia nigeriana si è istallata con maggiore potenza, violenza e ferocia,  attraverso quattro pilastri che sono droga, prostituzione, mendicità molto organizzata e traffico di organi prelevati da non aspiranti donatori. Il fatto che abbia potuto farlo dimostra che la soppressione dello stato di diritto non serve a contrastare il crimine. Chiediamo al nuovo Guardasigilli di sanare lo stato di diritto e contrastare la mafia nigeriana.

 

 

ENTRA ANCHE TU NELLA BRIGATA PER LA DIFESA DELL'OVVIO!

Partecipa attivamente nella Battaglia per la difesa della libertà e dell'ovvio!

DIVENTA MEMBRO

Iscriviti alla Newsletter!

Rimani aggiornato su tutte le nostre iniziative e novità!

Nessuna spam garantita. Disiscriviti quando vuoi!