Telegram

L’arcivescovo di Brisbane dà tempo ai preti fino al 15 dicembre per essere completamente vaccinati

Nov 25, 2021

L’arcidiocesi australiana di Brisbane ha annunciato che tutti i dipendenti dell’arcidiocesi, compresi il clero, gli appaltatori e alcuni volontari, devono essere completamente vaccinati entro il 15 dicembre, in accordo con il mandato dello stato, a meno che non abbiano un’esenzione medica.

Di seguito un articolo di Joe Bukuras, pubblicato sul Catholic News Agency, nella mia traduzione.

L’arcidiocesi australiana di Brisbane ha annunciato che tutti i dipendenti dell’arcidiocesi, compresi il clero, gli appaltatori e alcuni volontari, devono essere completamente vaccinati entro il 15 dicembre, in accordo con il mandato dello stato, a meno che non abbiano un’esenzione medica.

“Come vediamo la situazione in Australia e a livello internazionale, è chiaro che la vaccinazione è il modo più efficace per ridurre il rischio di esposizione o il rischio di trasmettere il virus ad altri all’interno della nostra comunità”, ha detto l’arcivescovo Mark Coleridge in una dichiarazione del 16 novembre sul sito web dell’arcidiocesi.

“Pertanto”, continua la dichiarazione, “l’Arcidiocesi di Brisbane ha preso la decisione che i dipendenti, gli appaltatori e alcuni volontari dovranno aver ricevuto due dosi di vaccinazione COVID-19 entro il 15 dicembre, a meno che non abbiano un’esenzione medica ufficiale”.

Coleridge ha detto che il clero che non è completamente vaccinato sta mettendo i fedeli a “rischio”.

“Un pastore o assistente pastore nel ministero parrocchiale deve conoscere i fedeli, visitare le famiglie, prendersi cura dei fedeli rafforzandoli nel Signore e ristorare i fedeli con i sacramenti”, ha scritto nella lettera.

“Ciò significa che il clero impegnato nel ministero parrocchiale deve essere vicino alla gente. Nelle circostanze della pandemia, il clero impegnato nel ministero pastorale che non è doppiamente vaccinato mette a rischio i fedeli della parrocchia. Presentano un rischio per i fedeli a cui svolgono il ministero, così come per le loro famiglie”, ha aggiunto.

I sacerdoti e i diaconi che non sono “doppiamente vaccinati vengono meno al loro dovere di cura dei fedeli”, ha scritto Coleridge.

Un’esenzione medica ufficiale è l’unico tipo di esenzione che l’arcivescovo Mark Coleridge accetterà, secondo una lettera che l’arcivescovo ha inviato a diaconi e sacerdoti vista da The Australian, ha riferito Sky News.

Secondo il sito web dell’arcidiocesi, il certificato di esenzione medica deve certificare “che la persona non è in grado di ricevere la vaccinazione COVID-19 perché ha una controindicazione medica riconosciuta; e indicando se la controindicazione medica impedirà permanentemente o temporaneamente la vaccinazione COVID-19; e se la controindicazione medica impedisce solo temporaneamente una vaccinazione COVID-19, specificando quando la persona può essere in grado di ricevere la vaccinazione COVID-19”.

“Una controindicazione medica contro una vaccinazione COVID-19 non si traduce necessariamente in una controindicazione contro tutti i vaccini”, ha detto.

“Non considererò l’obiezione di coscienza a ricevere la vaccinazione come una valida eccezione alle disposizioni qui esposte”, ha scritto Coleridge.

“Rispetto pienamente il diritto di coscienza, specialmente se correttamente formato nella comprensione cattolica”, ha dichiarato. “Ma anch’io ho una coscienza, e non è solo l’obbligo legale ma la coscienza che ha portato alla mia decisione”.

La dichiarazione sul sito web dell’arcidiocesi osserva che il Queensland, lo stato che comprende l’arcidiocesi, riaprirà le sue frontiere nelle prossime settimane causando un aumento del rischio di infezione da COVID-19.

Il Queensland ha implementato severe linee guida sui viaggi dentro e fuori lo stato. Raggiungendo il 70% di vaccinazione a novembre, il Queensland ha stabilito un piano per allentare le restrizioni, soprattutto per i viaggiatori completamente vaccinati attraverso i confini dello stato, man mano che i tassi di vaccinazione salgono.

Quando il Queensland raggiungerà l’80% di vaccinazione, il 17 dicembre, le persone non vaccinate non potranno visitare “ambienti a rischio” come case di cura, ospedali, prigioni e altri.

Gli individui non vaccinati non potranno nemmeno frequentare “luoghi di ospitalità” come hotel e pub, e altri. Non potranno frequentare luoghi di intrattenimento al chiuso o all’aperto, festival, o frequentare gallerie, musei o biblioteche di proprietà del governo del Queensland.

Una lista completa delle restrizioni può essere vista sul sito web.

L’arcidiocesi di Brisbane ha 98 parrocchie, 144 scuole e 109 sedi di servizi Centacare early EdCare, assistenza agli anziani, disabilità e famiglia e relazioni, secondo il loro sito web. Quasi 22.000 posti di lavoro sono forniti dall’arcidiocesi.

fonte: https://www.sabinopaciolla.com/larcivescovo-di-brisbane-da-tempo-ai-preti-fino-al-15-dicembre-per-essere-completamente-vaccinati/

ENTRA ANCHE TU NELLA BRIGATA PER LA DIFESA DELL'OVVIO!

Partecipa attivamente nella Battaglia per la difesa della libertà e dell'ovvio!

DIVENTA MEMBRO

Iscriviti alla Newsletter!

Rimani aggiornato su tutte le nostre iniziative e novità!

Nessuna spam garantita. Disiscriviti quando vuoi!