IL LINK PER ACCEDERE ALLE DIRETTE ZOOM SI TROVA NELL'AREA RISERVATA

Telegram

L’aumento della mortalità maschile nella fascia d’età 15-19 anni dovrebbe essere approfondito di Sabino Paciolla

Oct 13, 2021

 fonte: https://www.sabinopaciolla.com/laumento-della-mortalita-maschile-nella-fascia-deta-15-19-anni-dovrebbe-essere-approfondito/

 

La mortalità è aumentata in gruppi di età più giovani a partire dal 1° maggio 2021. L’aumento nel gruppo di età 15-19 anni è particolarmente evidente, tanto più che i decessi in questa fascia di età sono rare. Le morti in eccesso hanno una marcata predominanza maschile. Un aumento delle chiamate in ambulanza per i pazienti che hanno avuto un arresto cardiaco o sono in stato di incoscienza ha mostrato un aumento notevole e coincidente a partire da maggio 2021. Il periodo coincide anche con l’introduzione della vaccinazione.

Un articolo di HART che propongo alla attenzione dei lettori di questo blog nella mia traduzione.

I dati sulla mortalità per Inghilterra e Galles dall’ONS (il nostro ISTAT, ndr) dal 1 maggio 2021 al 17 settembre 2021 mostrano un eccesso significativo, in particolare nella fascia di età 15-19 anni. A seconda della linea di base scelta, l’eccesso per i giovani di 15-19 anni è tra il 16% e il 47% al di sopra dei livelli previsti (vedi tabella 1 e 2). I decessi per COVID-19 erano troppo piccoli per giustificare l’eccesso. Un numero sproporzionato di questi decessi in eccesso era nei maschi. Ci si aspetterebbe una certa quantità di variazione per caso, ma un aumento di questa proporzione è abbastanza grande da essere ignorato senza ulteriori indagini.

Si osserva una netta deviazione, a partire da maggio, per i decessi maschili di età compresa tra 15 e 19 anni. La mortalità femminile, invece, mostra una riduzione estiva più simile a quella del 2020.

Un’entità simile di eccesso si osserva nelle fasce d’età 20-29 anni, sebbene i tassi di fondo siano più alti. Confrontando solo i decessi nei maschi di età compresa tra 15 e 19 anni, ci sono stati tra 52 e 87 decessi in eccesso (a seconda del valore di riferimento). Questa chiara predominanza di decessi maschili potrebbe essere in linea con i noti rischi di miocardite che ha un propensione per uomini e ragazzi. Nel 2015-2019 i maschi hanno rappresentato il 65% dei decessi nella fascia di età 15-19 anni, salendo al 70% tra i 20-29 anni. Se l’intero eccesso fosse dovuto solo a una variazione casuale, ci saremmo aspettati che il 65% dell’eccesso fosse di sesso maschile. Tuttavia, ci sono stati troppi maschi morti per arrivare a questa conclusione. Ci sono stati 21 decessi maschili in eccesso rispetto a quanto ci si aspetterebbe con un normale rapporto maschi femmine (baseline 2020) o 25 decessi maschili in eccesso (baseline 2015-2019).

Le morti maschili in eccesso sono state calcolate sottraendo le morti maschili dalle cifre di base per le morti maschili. Per i giovani di 15-19 anni si sono verificati 52 decessi maschili in eccesso dal 1 maggio 2021 al 17 settembre 2021 rispetto alla linea di base 2015-2019, tuttavia in totale si sono verificati solo 44 decessi in eccesso. Ciò implica che ci sono state meno morti femminili del previsto in questo periodo se si utilizza la linea di base 2015-2019.

Al contrario, per i dati sulla mortalità per Inghilterra e Galles dall’ONS dal 1 gennaio 2021 al 30 aprile 2021, c’è stato solo un piccolo numero di decessi al di sopra dei livelli previsti, quasi tutti da considerare come decessi per COVID-19.

Miocardite

Sebbene siano state sollevate preoccupazioni su una serie di reazioni avverse alla vaccinazione, la più grave e comune finora è il rischio di miocardite. La miocardite è una condizione grave associata in modo acuto ad aritmie fatali, e croniche, poiché i miociti sono insostituibili, con insufficienza cardiaca e significativa mortalità associata. Poiché l’eziologia della miocardite indotta dal vaccino Covid-19 è nuova, potrebbe non essere saggio estrapolare la prognosi da ciò che è noto sulla miocardite dovuta ad altre eziologie. Tuttavia, in letteratura il tasso di mortalità globale per miocardite dopo un anno è del 20%  e dopo cinque anni dal 44% al 56% . 

L’incidenza di miocardite dopo la vaccinazione contro il COVID-19 è aumentata con il diminuire dell’età ed è stata più alta nei maschi.

Evidenza indiretta di segnali di mortalità

C’è stato un chiaro aumento delle chiamate per arresto cardiaco e respiratorio in ambulanza in Inghilterra e di chiamate di ambulanze per persone che hanno perso conoscenza a partire da maggio 2021 (vedi figure 1a e 1b). Ci sono stati due periodi di ondate di caldo che potrebbero aver avuto un impatto anche sull’aumento per un breve periodo, ma in generale l’aumento rimane altrimenti inspiegabile. La tempistica e l’entità delle ondate di caldo sono evidenti nei dati sulle chiamate delle ambulanze a causa dell’impatto diretto del calore (vedi figura 1c).

 

Correlazione con il lancio della vaccinazione

Vale la pena notare che il lancio del vaccino per i giovani vulnerabili è iniziato in inverno, quindi non c’è una data di inizio chiara per cercare un impatto. Tuttavia, la netta maggioranza delle vaccinazioni è stata somministrata tra i 16 ei 24 anni dal 1° maggio 2021 fino a poco tempo fa. 

Rif. per i dati per tracciare il numero di dosi somministrate al giorno per età (Fig 61 del foglio di calcolo) :

I dati di PHE utilizzati per compilare i grafici di cui sopra sono un sistema nazionale completo, il National Immunization Management System (NIMS). Tuttavia, sebbene una parte dei dati venga raccolta prontamente, c’è un ritardo di alcune settimane prima che l’intero set di dati sia completo. Questo ritardo significa che l’inclinazione verso il basso dall’inizio di settembre potrebbe essere un artefatto. Tuttavia, è chiaro che la maggior parte delle vaccinazioni in questa fascia di età è stata somministrata a partire da maggio.

PHE raccoglie informazioni sullo stato di vaccinazione dei pazienti che sono registrati con un NHS GP come parte del NIMS. L’ONS ha questi dati e li ha collegati ai propri dati di morte al fine di pubblicare il proprio documento “Decessi che coinvolgono COVID-19 per stato di vaccinazione, Inghilterra: decessi verificatisi tra il 2 gennaio e il 2 luglio 2021“. 

Sono quindi disponibili le informazioni che collegano lo stato vaccinale ai dati sui decessi.

Nel loro rapporto, l’ONS non ha rilasciato i dati grezzi, ma ha invece fornito i tassi di mortalità adeguati per l’età. In questo modo la morte di un giovane contribuisce maggiormente al tasso di mortalità corretto per l’età rispetto a una morte di una persona anziana, perché i numeri di fondo dei decessi nella prima fascia di età sono molto inferiori rispetto alla seconda. I dati condivisi con il loro documento mostrano un drammatico aumento del tasso di mortalità non COVID-19 in coloro che sono stati vaccinati più di 21 giorni prima con una prima dose, a partire dall’aprile 2021 e in rapida intensificazione nel maggio 2021. Sebbene alcuni giovani di 18 e 19 anni possano aver ricevuto una seconda dose ad agosto, la maggior parte (78% secondo i dati riportati alla settimana 38) della popolazione vaccinata di 12-17 anni ha ricevuto solo una prima dose. Pertanto sarebbero in gran parte nella categoria dei “vaccinati più di 21 giorni prima con una prima dose”.

Rif. per la figura 7 (tabella 5 del loro foglio di calcolo): 

Riepilogo

La mortalità è aumentata in gruppi di età più giovani a partire dal 1° maggio 2021. L’aumento nel gruppo di età 15-19 anni è particolarmente evidente, tanto più che i decessi in questa fascia di età sono rare. Le morti in eccesso hanno una marcata predominanza maschile. Un aumento delle chiamate in ambulanza per i pazienti che hanno avuto un arresto cardiaco o sono in stato di incoscienza ha mostrato un aumento notevole e coincidente a partire da maggio 2021. Il periodo coincide anche con l’introduzione della vaccinazione. Infine, gli ONS hanno riportato un sorprendente aumento dei tassi di mortalità aggiustati per età in quelli con una sola dose che hanno accelerato nel maggio 2021 a livelli di gran lunga superiori a quelli dei non vaccinati.

Sebbene possano esserci una serie di spiegazioni per questi risultati, sono necessarie ulteriori indagini sulla causa di questi decessi. I dati sulla morte ONS e i dati sulla vaccinazione NIMS sono stati precedentemente collegati. Senza quel legame, l’ONS non avrebbe potuto pubblicare sui decessi dopo la vaccinazione. Pertanto, dovrebbe essere possibile confermare la proporzione dei 15-19enni che erano stati vaccinati. 

 fonte: https://www.sabinopaciolla.com/laumento-della-mortalita-maschile-nella-fascia-deta-15-19-anni-dovrebbe-essere-approfondito/

ENTRA ANCHE TU NELLA BRIGATA PER LA DIFESA DELL'OVVIO!

Partecipa attivamente nella Battaglia per la difesa della libertà e dell'ovvio!

DIVENTA MEMBRO

Iscriviti alla Newsletter!

Rimani aggiornato su tutte le nostre iniziative e novità!

Nessuna spam garantita. Disiscriviti quando vuoi!